Archivi categoria: smart working

4 Hacks dettagliati per Trovare lavoro remoto

Articolo interessante che presenta 4 dettagliati consigli su come e dove cercare lavoro remoto.
(in inglese)

“If you work in tech you already know that finding remote work can be difficult. Even though remote working is on the rise, there are still more people interested in working from home than positions to do so.”

“In this post, I’m going to give you my hacks for finding remote work. These are strategies I’ve used for almost a dozen years to make a full-time living in digital marketing. Let’s get started.”

Post originale


Interessante? Ricevi gratuitamente una email  quando esce un nuovo articolo.



Come trovare lavoro remoto (e trappole alle quali prestare attenzione)

Articolo interessante su come evitare i potenziali lati oscuri dello smart working e dove cercarlo.
(in inglese)

“Now there are more any more companies who are 100% remote, or are trying to add jobs and resources all over the world, and it couldn’t be a better time to look for a remote job.”

“Regarding pitfalls and remote working…
the #1 potential problem still lies mainly in scheduling YOUR time re: health and appointments, etc., because there will always be work to do…
Another caveat I have regarding remote work is make sure you set aside time to form relationships with your coworkers.”

Post originale
by Sara Rosso (whenihavetime.com) (Automattic)


Interessante? Ricevi gratuitamente una email  quando esce un nuovo articolo.



Contano solo i risultati. Comunicazione, produttività e felicità.

Un’altra esperienza molto interessante sul lavoro remoto e smart in una azienda completamente distribuita. Questa volta non da parte di un tecnico digitale, ma da un project manager.

wctrn-Gone-with-the-wind-images.001

In a remote company how successful you are depends on your results. Nobody cares where you are and how you work, as long as things happen when expected and as promised.

Vai all’articolo originale


Interessante? Ricevi gratuitamente una email  quando esce un nuovo articolo.



Stack Overflow lavora con un team distribuito

Chi lavora in ambito IT conosce Stack Overflow, su questo direi che non ci sono dubbi.
Quindi sà anche quale peso abbia e semplicemente lo si ama.

In questo video Oded Coster, Software Engineer @Stack Overflow parla di come Stack Overflow lavori dal lato tecnico, ma anche come sia strutturato il suo team di lavoro.

Il video preso dalla Cloud Conf, è tutto molto interessante, ma se si vuole vedere solo la parte che tratta di smart working si può saltare a guardare tra i minuti 4:40 – 10 circa.

Guarda il video


Interessante? Ricevi gratuitamente una email  quando esce un nuovo articolo.



Anche sulla RAI si parla di telelavoro

Non amo la televisione. Non ne posseggo una credo da più o meno dieci anni ormai, ma innegabilmente in Italia è ancora il media di più alta divulgazione. Perciò il fatto che si inizi a parlare di lavoro remoto anche su questo media di massa non può che essere cosa positiva.
La trasmissione è quella di Mercalli sulla RAI.

Ecco il post originale grazie quale ho fatto questa interessante scoperta e sul quale trovate tutti i riferimenti.


Interessante? Ricevi gratuitamente una email  quando esce un nuovo articolo.



Lavoro remoto, un modo per lavorare e vivere meglio.

Come usare questo articolo:

Questo articolo è strutturato in ottica di ottimizzazione, puoi inizialmente leggere anche solo parte dell’introduzione ed i titoli () che rappresentano i punti salienti. Così puoi farti velocemente un’idea se il post può interessarti e in quel caso rileggere quando hai tempo anche i dettagli.
(tempo di lettura 15 min)

smart working, remote working

INTRODUZIONE

La mia esperienza

Lavoro da remoto ormai da 9/10 anni di cui i primi 6/7 da dipendente e ora da 3 anni sono freelance.
Il mio percorso di lavoro remoto è iniziato in una web agency nella quale ho lavorato per più di 12 anni, qui in Italia. Gli orari son sempre stati flessibili ma all’inizio ho sempre lavorato in agenzia. Quindi dopo più o meno 5 anni ho preso coraggio e ho chiesto al mio responsabile se fosse fattibile che 1/2 giorni a settimana provassi a gestirmeli da me. Devo dire che non ho dovuto neanche insistere troppo, c’era già comunque una buona fiducia reciproca costruita nel tempo. Da lì ho iniziato un percorso che  pian piano ho portato fino a interi mesi fuori ufficio.
Per vari motivi 3 anni fa decisi di licenziarmi per provare la strada da freelance.
Oggi ancora di più porto avanti questa idea lavorando al 100% o quasi in questa modalità.
Continua a leggere